Indice del forum

BASKET PLAYERS MARCALLO



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Kitchen planner scotland
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Basket Players
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
3bajiigur








Registrato: 19/04/13 05:53
Messaggi: 1
3bajiigur is offline 






MessaggioInviato: Ven Apr 19, 2013 6:01 am    Oggetto:  Kitchen planner scotland
Descrizione:
Rispondi citando

Kitchen Planner scotland.
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
. Full kitchen with appliances and free planner in scotland. Only £595.
Tel 01616 694785. Kitchen Planner scotland

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Ven Apr 19, 2013 6:01 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Apr 20, 2013 12:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La gara di giovedì scorso è proprio finita..senza parole….+ 19 PUNTI “puliti” .. una vittoria sontuosa, brillante e risonante.
Come se il giorno e la notte si fossero finalmente riconciliati… MARIANI e soci hanno riaperto la sfida al razionale, valorizzando ed attestando tutti gli “ ILLIMITATI LIMITI “ che ciascun giocatore ha in atto, valori che, nell’ultimo periodo, hanno “impettito” a fasi alternee giovedì ci abbiamo riprovato appalesando una disponibilita’ plebiscitaria…….
(Se non avessero ricercato continuamente il loro “limite”: Messner avrebbe scalato tutti gli ottomila himalayani ? Edison avrebbe inventato la lampadina? Einstein avrebbe formulato la teoria della relatività? Helen Keller avrebbe imparato a dipingere pur essendo cieca?).
Dopo l’ameno periodo in cui il giochicchiare sembrava legge contro Nerviano abbiamo riscoperto ed intensificato il gioco, la responsabilità, l’orgoglio, dettando gli indubbi valori in campo..nell’ottica del "mai accontentarsi"..
Almeno per i valori espressi in campo è sembrato aver superato il “limite” psicologico, quello che differenzia una squadra da “dopo lavoro” da una squadra mai appagata e sempre fiondata verso il miglioramento continuo, espanso in una realtà intrisa di consapevolezza , naturalezza e punti di forza. La partita di giovedì si assimila e si intende come “il qui ed ora” ripagante, coinvolgente e consacrante.
Così abbiamo diversificato il competere dal vincere, la comparsata dal misurarsi con il DNA dell’avversario, il partecipare dal gareggiare; almeno per una sera abbiamo dimenticato il Marcallo a forma di una chiesa grande ed abbondante, il cui prevosto occupa solo poche stanze e non si reca mai alle estremità della stessa: deserte, arride e fredde.
Nessuna titubanza fin dall’inizio è quando abbiamo fatto emergere il nostro carattere nello allungo siamo stati semplicemente BRAVI. Mi aspettavo risposte e le risposte sono puntualmente arrivate.
Così la gara è continuata alla ricerca del “limite”, avanzando a piccoli passi, ma sfidando incertezze, paure e pressapochismi....ingiallendo, vivaddio, sfocate immagini di sacrosante sconfitte. Naturalmente merito di tutti, del collettivo, dello spogliatoio il nostro punto di forza, l’ancora di salvezza, l’appiglio per tutti i momenti di ineleggibile difficoltà.
Un Basket Players di cuore, di carattere, mai domo, votato al sacrificio come ampiamente dimostrato da TEGON che seppur con la schiena rappezzata e lacerata ha egregiamente onorato la gara con indefessa caparbietà e volitività; finalmente si è rivisto il cuore di una squadra “romantica” che ha dato degli sprazzi di gioco da battimani , scampoli di passaggi michelangioleschi come quello fatto in pieno aria dal talentuoso CHARLIE….o di contropiedi quasi disegnati dal VERROCCHIO o dal CANOVA….. per non parlare di tutti gli altri componenti del team da TANGORRA a LISSI da GARAVAGLIA a GASPANI da BOMBONATI da CAIMI a BIGNOTTI trasformati in singoli frombolieri, concentrati di grinta al cui confronto l’arcigno “GATTUSO” sarebbe sembrato “MALGIOGLIO”: in parole povere e pastorali ognuno a fatto il proprio dovere tanto che i complimenti finali sono stati sacrosanti e meritati.
Martedì prossimo di nuovo in campo al Palamarcallo…contro un avversario di rango dove non si possono ammettere sbagli…!!!!


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Lun Apr 22, 2013 9:51 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

comunico i nominativi dei giocatori impegnati nella gara al Palamarcallo di martedi' 23 aprile 2013 ore 21.00 contro Magenta.

LISSI
BIGNOTTI
TANGORRA
CAIMI
GASPANI
MARIANI (k)
BOMBONATI
GARAVAGLIA A.
TEGON
CHARLIE
Ritrovo in palestra ore 20.00._________________
_________________

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Apr 27, 2013 1:45 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Eccellente prova della Foti’s band impegnata ,al Palamarcallo martedì sera, in una gara che ha divertito il pubblico presente. A dire il vero non è stata una partita facile ed ammetto ,che solo alla fine ,si è messo definitivamente a fuoco il risultato frutto di una buona lucidita’ che ,a giochi fatti ,si trasforma in languore di sfide prossime venture.

Nonostante il cielo incazzato, alle 21.00 ci siamo raccolti nella umidita’ della palestra ribollente di mille gradi, accettando di buon grado di essere coperti da bandiere avversarie e tifo da stadio,che non ha per nulla frustrato i pochissimi intimi locali da battimani fiduciosi ,fino a sciogliere le briglia e le corde vocali all’ultimo secondo.

Partiamo subito con il piede schiacciato sul pedale giusto in attacco, padroni in difesa mi si consenta l’iperbole, di una attenzione tranquilla, di una fluidità di ripartenza aggressiva frutto di consapevolezza sorniona. E’ questo, secondo il mio modestissimo parere, ha mandato fuori giri una squadra combattiva come quella di coach BAGATTI che , dopo la sua espulsione , dagli spogliatoi si è trovato ad affrontare piu’ che una salita, una parete di terzo grado con punte del quarto quando abbiamo superato i dieci punti di vantaggio.. Altre volte, avrà pensato il bravo tecnico, quelli di Marcallo sono partiti a mille, (vedi l’andata – dove peraltro era assente ) ma alla fine si sono trovati in riserva..per cui facciamoli sbollire un po’,avrà continuato a ripetere durante i dieci minuti di pausa!!!!

Ed infatti , come se avessimo origliato dalle mura dello spogliatoi, disputiamo un terzo quarto da suicidio, cancellando il discreto vantaggio messo in cantiere.…La superiorità ospite sembra soccomberci e , pescando a piene mani, si susseguono le rotazioni in campo , solleticando gli impeti di orgoglio di tutti i messi in onda ,in modo da mantenere il punteggio entro limiti controllabili.

In questi frangenti, non esiste nessuna boccata d’aria per il pubblico locale in cerca di diritti inviolabili di cittadinanza, a speranze di vittoria e timori di sconfitta.

L’ultimo quarto arriva tagliando il martedì o come una torta o come una esecuzione ma , vivaddio, i punti di Bigno, Bombo, Garavaglia e Mariani iniziano a liquefare arrembanti dubbi: sul parquet la nostra intensità è soddisfacente e sembriamo molto ispirati e di sostanza , significando che la nostra serata è quella giusta , tanto che l’assordante tifo ospite lo facciamo nostro; non a caso si ci si raduna in un Time aut per convincere ad esaltarsi alle quelle grida ed a quegli incitamenti ,facendone una cosa nostra, una cosa che ci appartiene.

Da lì in poi la contesa diventa interessante, gli ospiti credono nella vittoria, ma noi non condividiamo la sconfitta… sotto il segno del costante equilibrio, scorrono i minuti nel tatticismo controllando i secondi in attacco e cambiando tipo di difesa ad ogni azione avversaria. La sesta proverbiale camicia è stata sudata ed alla settima si spera che non arrivi il solito scampolo di rilassatezza che invece puntualmente arriva da una rimessa difensiva,regalando la palla all’avversario che rifiuta l’ “omaggio “gettando la ghiottissima occasione alle ortiche.

Il vaso di Pandora è scoperchiato !!!!!!!!....La vittoria è in tasca ed il ponte tra le due squadre crolla definitivamente. Complimenti al Magenta che ha mostrato grinta, tenacia agonistica e sportiva veramente encomiabili gareggiando con capacita’ anche priva del “nostromo”... Onore anche alla sportività dei tifosi al seguito muniti di compostezza tipica di chi sa vincere senza paura di perdere.



In sintesi vittoria netta, ma di misura. Di misura ma netta. Con la locomotiva Marcallo che iniziata in sottotono, quasi intimorita dall’avversario ,piano ,piano, in modo inesorabile bravi a contendere la vittoria ai piu’ quotati avversari con un ultimo quarto tutto cuore che ha permesso di conquistare due punti molto sofferti in un imbuto strettissimo con la determinazione di chi sa di non dovere fare sconti a nessuno.

Mvp della serata : tutta la squadra, la “brava gente” disposta ad allenarsi, giocattolo pregiato dello sponsor ALBIZZATI che ha saputo sadunare ragazzi: altruisti, volitivi, dotati di spirito di sacrificio; qualita’ rare nell’agonismo odierno, affollato da pseudo “campioncini”: arroganti, capricciosi, presuntuosi e supponenti..dotati di rivalita’ e sovrapposizioni..insopportabili…


Qui però finiscono i ringraziamenti, gli applausi e i salamelecchi…in attesa delle prossime “sfide” infatti per i malati della palla a spicchi l’appuntamento è per martedì prossimo a Villa Cortese ore 21.00.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Lun Apr 29, 2013 11:01 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

comunico i nominativi dei giocatori impegnati nella gara del giorno 30 aprile a Villacortese .

LISSI
BIGNOTTI
TANGORRA
CAIMI
GASPANI
MARIANI
BOMBONATI
GARAVAGLIA A.
ROSSI (k)
CHARLIE
Ritrovo in palestra ore 19.45.__________________________________
_________________

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Mag 18, 2013 12:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

comunico i nominativi dei giocatori impegnati nella gara del giorno 19 Maggio a Castano ore 18.00

LISSI
TEGON
ROSSI (K)
CAIMI
GASPANI
ALBIZZATI
BOMBONATI
GARAVAGLIA M.
CHARLIE

Ritrovo in palestra Marcallo ore 16.30

_______

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mar Mag 21, 2013 1:34 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Comunico i nominativi dei convocati all'ultima di campionato contro BOFFALORA al Palamarcallo ore 21.00

LISSI
BIGNOTTI
TANGORRA
CAIMI
GASPANI
MARIANI (k)
BOMBONATI
GARAVAGLIA A.
ALBIZZATI
TEGON

Ritrovo palestra ore 20.00


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"


Ultima modifica di pippo il Mar Mag 21, 2013 1:36 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mer Mag 22, 2013 11:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un vecchio saggio disse un tempo che “essere felici vuol dire desiderare quello che si ha” ed allora, noi del basket Players, un poco noi lo siamo!!!!! Abbiamo portato alla fine un altro campionato con dignità, serietà, orgoglio con la tempra di parenti un po’ matti e un po’ geni…. ma, che si vogliono bene sempre e comunque. E’ facile, mi si dirà, pensare queste cose a mente serena.. ma solo chi non c’era ieri sera ,è autorizzato a non capire la misura di cotanto affetto, frutto di attese e timori, reso scivoloso da fiumi di adrenalina.

Così l’ultima vittoria di ieri sera è da gustare, da fotografare e da schiamazzare ,come sui vecchi tavoli delle osterie ….

Pochi secondi dopo le 21 il primo urlo è nostro, così come lo sarà alla fine alzando la voce, da padroni di casa . In sintesi è stata una partita vinta con la convinzione di chi sa e di chi vuole vincere, spaccando la gara con punti pesanti , che ci hanno permesso di respirare un finale di aria fresca e pura.. nonostante il piglio degli avversari che, mai domi, hanno provato in tutte le salse a tenerci seduti… ma negli ultimi 10 giri di orologio qualche perla arcuata ha fatto volare le nostre aspirazioni, tese verso la strada giusta della vittoria, anche se le mappe truccate o proprio sbagliate di certe precedenti gare, hanno lievemente faticato a far vincere la “prudenza del sorriso”.

Di fronte, l’avversario sa soffrire e ci fa soffrire, sicchè il tabellone a sprazzi sembra inchiodarsi in punteggi oscillanti. Ma l’ordine è quello di non mollare, non si può’ e non si deve mollare… è l’ultima partita, l’ultima gara di un gruppo che fino a cinque anni rimaneva nell’anonimato…oggi, invece, attuale e vero…Senza ricorrere ad alcuna sospensione, gli ultimi 4 minuti trascorrono nella consapevolezza che non è la serata di Boffalora …così, senza dubbi e timori, pigiamo l’acceleratore e ci spingiamo al raggiungimento del “referto rosa”.

Negli spogliatoi solo visi allegri, festosi ed esultanti….eccetto un volo pindarico sul domani ..con Pippo che, fino a nuove decisione, scelte e risoluzioni…. rimarrà “semplice” tifoso e sostenitore in cerca di altra panchina …. Eh si, con la gara di ieri, termino il mio “mandato” lasciando la stecca a chi avrà l’ ònere e l’onòre di discutere del futuro, sicuramente, appassionato, competente e benvoluto.

Da uomo e da Pippo, per dovere e piacere, desidero ringraziare, anzitutto, gli sponsor… uno per tutti: il grande, generoso e magnifico papà ALBIZZATI e figli,a loro un sentito grazie per aver fatto riscoprire a Marcallo una pallacanestro competitiva, un basket delle vittorie e delle imprese come quella dell’ ascesa in Promozione.

Un prosit a Francesco (MARINONI) intelligente ed incisivo che, con voce mai urlante, ha distribuito simpatia, costruttività e finezza, ansioso quanto basti, ma ,sempre pronto a elargire la giusta carica; un grazie all’ottimo sig. Martino CASCIO (ieri assente perché immerso nelle delizie della sua assolata Trinacria) che ha dato un indubbio contributo al tavolo ,segnapunti sempre puntuale , disponibile e garbato; un saluto per chi dietro le quinte ha dato il suo apporto..a non farci mai sbattere le porte dello spogliatoio, parlo di Ugo TONELLO direttore sportivo mai domo sempre in combutta con il vincere….ed il vincere… ma presente pompiere soprattutto in occasione di brucianti sconfitte ….grazie al presidente Angelo ROSSI – per me da sempre emblema Basket marcallese – esatto ed accurato nel fornirmi le statistiche…contraddistinto a tratti dallo sguardo proprio di colui al quale sembra non gliene freghi una cippa, ma in effetti, sempre in prima fila a soffrire e gioire. Grazie a Tania, benvenuta quota rosa che, come nel “il lotto alle nove” , alzando le palette, ha proclamato con stile i “primi estratti” ad accomodarsi in panchina per raggiunti limiti di falli , somministrando sguardi affabili e materni.

Prima di concludere : un pensiero alla tifoseria ieri sera presente ed educatamente composta… un salutone a papà Gaspani, accomodato nel suo posto in alto a sinistra…ai papà TANGORRA e MARIANI che sovente hanno animato le gradinate soffrendo con noi..un segno amico alla maga dell’uncinetto ,Elvige, cordiale e discreta, sempre presente durante le nostre fatiche fuori le mura amiche ..saluti a chi,di recente, ha iniziato ad assaporare il sapore delle sfide: la signora GOBINO che con l’ottimo figlio Federico ( ultimo arrivato nel gruppo di allenamenti) si è aggregata ai fans del basket “notturno”…..

E per finire, mi alzo in piedi, per ringraziare tutti i ragazzi che hanno saputo trasmettermi, quella maledettamente voglia di fare ..di fare bene..di fare sempre di più…ringrazio lo “zoccolo duro” della squadra GARAVAGLIA Matteo, GARAVAGLIA Alberto, ALBIZZATI,GASPANI, ROSSI,MARIANI, MARINONI, TANGORRA, BARABAN (presente solo agli allenamenti), COFRANCESCO (ultimamente ricercato dalla equipe di “chi l’ha visto”).. quello che da bozzolo con il trascorrere del tempo si è trasformato in una splendida farfalla…abbraccio i “corsari” che si sono aggiunti negli anni BOMBONATI, CAIMI, TEGON, LISSI, e per ultimi BIGNOTTI e FERNANDEZ …tutti ragazzi esemplari, stimolati e pungolati dal desiderio di divertirsi, di aggregarsi e di vincere.. con quella voglia matta di gonfiare la retina, correre, sentire il cuore battere in petto, quasi a voler uscire. Insieme hanno formato un gruppo coriaceo, più che bello, eccezionale…. che si è forgiato in una sintesi perfetta di freschezza e saggezza, un mix positivo di splendidi uomini che ho amabilmente governato e messo a fuoco, con arte maieutica, cercando di tirare fuori la potenzialità di tutti, per travasarla in una coerente idea di collettivo.

Grazie.

Ora, il dado è tratto, in questi giorni il quadro dirigenziale si riunirà per decidere e programmare il futuro….dal canto mio a rigore “contrattuale”, come già accennato, finisco qui la mia musica.
Chiedo venia a chi ha letto le mie “memorie fiume” ….periodi e frasi con cui ho disegnato i miei punti di vista, i miei commenti mai sprezzanti, ma spesso ironici, procellanti dal serio al faceto e dall’ammirato al costruttivo, in modo che la penna toccasse i vari registri della comunicazione e non….spesso ho miniato le mie “tele” rimettendo l’evento sportivo come un insieme di valutazioni e giudizi, traslando da quello personale dell’ uomo, a quello critico del tifoso, a quello tecnico del coach , cercando di sfogliare ogni gara con reale – realtà..in modo da parlare di un basket essenziale..giocato…e , soprattutto umanamente vissuto.

Ciao Ragazzi.


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Gio Ott 24, 2013 2:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A distanza di poche ore sento il bisogno di dire GRAZIE ad una persona che ha voluto dare l’addio alla pallacanestro, sentendo nel suo futuro la necessità di concentrarsi, principalmente, sul lavoro.. decisione non attribuibile alla sua pigrizia ma alla consapevolezza che lavoro ed allenamento sarebbero diventate le attività principali della sua vita e, per come è fatto, certamente svolgerle entrambi in maniera soddisfacente sarebbe stato alquanto difficile…
Comprendendo appieno le sue ragioni dico:
GRAZIE alla bella persona con la quale ho trascorso tante stagioni sportive, lunghe quasi come una vita, piene di insidie, di traguardi, di adrenalina, di alte tensioni sempre superate dalla gioia di avercela fatta…
GRAZIE per quando , una quindicina di anni fa è entrato a fare parte di un gruppo di ragazzi corbettesi con i quali si è aggregato con impegno e massima umiltà, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, sia sul lato tecnico, ma soprattutto dal punto di vista morale e del rispetto…
GRAZIE per aver creduto nelle mie potenzialità di allenatore regalandomi vittorie insperate…
GRAZIE per aver sopportato il mio carattere allora “vivace” ma sempre da “rompiballe”…
GRAZIE per le tante volte che hai saputo gonfiare la retina con i tuoi strepitosi tiri dalla distanza facendo rimanere basiti compagni ed avversari..
GRAZIE per essere stato sempre pronto a metterci la faccia nel proteggere i compagni e me da critiche esageratamente esasperate…
GRAZIE per avere avuto sempre coscienza che le nostre arrabbiature e i duri faccia a faccia facevano parte di un comune percorso atto a renderci entrambi migliori prima come uomini e poi come sportivi..
GRAZIE per non avere mai puntato i piedi allorquando ti sei visto rilegato in panchina per interi quarti ..salvo farti ritrovare al momento giusto presente, attivo e partecipe alla gara…
GRAZIE perche hai saputo trasmettermi quel “quid” in piu’ quando all’orizzonte si aleggiavano fantasmi di disfatte..
GRAZIE per le tue ultime riflessioni distribuite in palestra martedì sera facendo commuovere il vice presidente MARINONI ed il gruppo assiepato lungo il rettangolo di gioco
GRAZIE per essere stato tra di noi in tutti questi anni…
GRAZIE per essere rimasto il ragazzo di sempre.

Sicuro che le nostre strade si incontreranno in eterno… ancora un infinito GRAZIE all’ uomo Fabio COFRANCESCO.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Nov 30, 2013 1:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Era ora! Giovedì sera si è ricominciato a sperare e a soffrire; alzando la palla a due ,è scattata la molla della stagione agonistica 2013/14 e con essa l’adrenalina e lo zolfo della palla ,che suonando sul parquet ,porta il cuore a mille.
Sotto la direzione di un arbitro attento , preciso e puntuale, è iniziata la prima stazione del torneo, regalandoci i primi due punti lasciando, naturalmente, la convinzione di dover lavorare ancora e che ogni partita sarà, sportivamente parlando, una vera “battaglia”
Con una discreta intensità, tale da togliere le energie ad un Inveruno rimasto troppo con le mani appoggiate sulle ginocchia, abbiamo suonato la nostra sinfonia, ruotando tutti gli uomini a disposizione e portandoli tutti a referto, riproponendo quella forza corale del gruppo a noi cara.
Dopo un primo quarto al rallentatore, si riprende a giocare ancora a toni bassi e si deve ricorrere ad un salutare time- aut per accendere la musicalità dagli urli forti e baritonali, dei vari quintetti messi in campo ,che riescono a reggere buoni margini di vantaggio .
Dopo l’intervallo, come se illuminati da una particolare stella e annaffiati da una specifica pozione magica ,si inizia a difendere ad oltranza con voglia di anticipare, raddoppiare ed aiutare dal lato debole, costringendo gli avversari a basse percentuali di realizzazione.
L’applicazione mentale difensiva profusa è ancora da allenare, è vero, così come c’è da metabolizzare il gioco in contropiede per agevolare il gioco organizzato in attacco , ma i “sostenuti” richiami in allenamento producono i loro effetti sul parquet: il lavoro difensivo è più efficace e l’avversario è costretto spesso all’errore, perdendo palloni importanti sporcati od intercettati dall’istinto killer di Matteo GARAVAGLIA e dal fiuto di GASPANI - lucido anche in sala regia -.
Con il trascorrere dei minuti, senza la pressione di dover segnare a tutti i costi per poter rimanere in “partita “ e con la convinzione di “tenere” senza subire facili canestri, rendiamo la gara un imbuto strettissimo ; degni di riconoscimento i contributi del chirurgo BIGNO ,del lucido GARAVAGLIA A. e dell’acerrimo CAIMI a segno anche dalla linea dei tre punti. (finalmente!!!!!..ah..ah.ah)
Mentre in difesa si lavora, in attacco non si vede solo pick and roll ,ma anche azioni controllate, in cui tutti i giocatori toccano la palla, evidenziando sincronismo e buone collaborazioni tra "esterni" ; il gioco sul perimetro è discreto e la difesa ospite spesso si sbilancia.
Decidendo di mettersi in proprio, ne approfitta dai 3 punti BOMBONATI da sempre “croce e delizia “ che riscaldata la mano schiocca puntuali “e intelligenti”.
Dal centro area manca ancora l’apporto del massiccio LATTUCA, che comunque si ristabilisce nell’ultima frazione di gioco, riempiendo seppur di poco la personale “casella punti”.
Importante, come sempre ,la presenza di capitan MARIANI – poco impiegato – e indispensabile la traboccante adrenalina di LISSI, coadiuvati da un TANGORRA ricolmo di impeto, agonismo e forza.
Sotto gli applausi di un pubblico divertito ,si andava sotto la doccia con la consapevolezza di avere disputato una buona gara,egregia, con un risultato finale da “bollino blu”.
Solcata la strada, adesso bisognerà seguirla.... già da giovedì prossimo incontreremo un temibilissimo e attrezzatissimo Bareggio – certamente non è con loro che dovremmo raffrontare le nostre forze…non siamo candidati al podio più alto ,ma scenderemo in campo cercando di esprimerci al meglio, non da spettatori ,ma da attori determinati, consci di non dover fare sconti a nessuno.!!!!

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Nov 30, 2013 1:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ecco a voi la classifica dei 5 personaggi peggiori che quotidianamente calcano i playground italiani.

Quando si va a giocare al campetto spesso si trova gente non conosciuta, con la quale però tocca dividere un intero pomeriggio di basket. Il mondo si sa è pieno di personaggi bizzarri, e noi vi presentiamo i 5 che non vorreste mai incontrare su un campo da basket, coloro che sono in grado di rendere una partita al gioco più bello del mondo uno strazio.

L’ ACCESSORIATO

Chili e chili di gel che neanche Sergio Scariolo e Simone Pianigiani messi assieme, fascia per capelli ampissima e con logo ben in vista, anche se spesso è pelato, maglia vintage introvabile del terzo play dei Knicks stagione 82/83, calzoncini sudati (dice lui) da Gianmarco Pozzecco ai tempi di Varese, ginocchiere, polsini e tutori ovunque e ultimo modello di Jordan ai piedi, rigorosamente fosforescenti, giusto per non dare nell’occhio.

Signore e signori, questo è l’identikit dell’accessoriato. Personaggio fastidioso, si crede il figo della situazione, millanta amicizie con i più grandi della storia recente del basket nazionale, anche se arriva con una Uno del 1992, ovviamente parcheggiata lontana dal campo per non farla vedere ad amici e compagni. In campo non è un gran fenomeno, anzi, pensa di essere il più forte ma in realtà la sua eccessiva sicurezza nei suoi mezzi lo porta a sbagliare anche gli appoggi in terzo tempo, sostenendo che “Riesco a schiacciare!”. Si, i brufoli davanti allo specchio, forse.

Il GIOCATORE-ALLENATORE

Categoria strana questa, e molto popolosa, sono infatti tantissimi gli “allenatori in campo” che si trovano sui campetti di periferia dello stivale. Perché diciamocelo, in fondo siamo un popolo di santi, poeti, navigatori, ma anche di allenatori, soprattutto quando gioca la nazionale, sempre pronti a criticare le scelte, perché noi “Avremmo fatto diversamente, e meglio, ovviamente”.

Poche e semplici le caratteristiche di questi personaggi: parlano tantissimo in campo, danno consigli a chiunque, anche agli avversari, e poi, quando tocca a loro non azzeccano nemmeno una partenza incrociata. Guai però a rimproverarli, la prendono subito molto male e ti intimano di sederti in panchina. Già, la panchina, quel posto misterioso per loro, perché, nonostante meritino più di chiunque altro di poggiare le preziosissime terga sul pino, la panca non la vedono mai, essendo loro allenatori, chissà chi lo ha deciso poi, non si sostituiscono mai, anche se è proprio quello il posto che compete agli allenatori. O agli scarsi.

Il RISSOSO

Il più cattivo del campetto. Se fosse una partita normale dopo 3 minuti sarebbe fuori per falli. Ma essendo sul campetto vale tutto. O quasi. Nel senso che fino a quando è lui a fare fallo tutto va bene, appena ne subisce uno però scatta l’ira. Inizia ad insultare chiunque, compagni e avversari, sostenendo che ogni contatto su di lui è un attentato alla sua incolumità, anche se in verità la maggior parte delle volte si tratta di falli lievissimi o addirittura inesistenti, inventati da lui.

Non provate poi a chiamargli anche solo una volta i passi contro, minaccerà voi o la vostra famiglia. Se provate poi a dirgli di aprirsi dopo che so, un banale pick’n roll, verrà a muso duro contro di voi apostrofandovi nemmeno foste il peggior terrorista al mondo. Il rissoso è solitamente un frustrato, che riversa sul campo tutta la sua rabbia. Non facesse così dovrebbe andare settimanalmente da uno psicologo, perciò comprendetelo, e magari assecondatelo, giusto per dimostrare una volta di più, se ce ne fosse bisogno, che i cestisti sono una categoria di gente speciale.

LA FIGHETTA

Ovvero colui che qualunque cosa succeda, si chiama sempre un fallo. Tira da 3, l’avversario gli sfiora le dita e sono 3 liberi, perché non la mette mai ovviamente, in penetrazione stessa storia, appena sente un contatto si lascia andare gridando come se si fosse rotto qualcosa, giusto per attirare l’attenzione e guadagnarsi un viaggio dalla linea della carità.

Questo personaggio è quello che solitamente prima dell’inizio della partita mette le mani avanti, chiedendo di giocare piano per un dolorino che sente da un po’ di tempo al vasto mediale del quadricipite femorale (what?), preso probabilmente in prestito dalla tv, visto che ne parlavano giusto ieri a Medicina trentatré. Ah già, lui, la fighetta intendo, non fa mai fallo, è sempre corretto e pulitissimo, anche quando tira gomitate a destra e sinistra a rimbalzo. E non provate a chiedere un fallo se siete marcati da lui, a meno che non vogliate assistere a scene di isterismo e pianto totalmente immotivato.

LO SPECIALISTA

Percentuali irreali dai 6.75, degne di palcoscenici prestigiosi, non dico Nba o Eurolega, dico solo che in LegaDue si fa fatica a trovare tiratori più precisi. Potrebbe bastare questa semplice frase per descrivere lo specialista. Ma andiamo oltre. Passato solitamente per le giovanili di squadre blasonate, futuro più che roseo davanti, ma costretto a fermarsi causa infortunio che gli ha fatto perdere la grande occasione, lo specialista è un malinconico, pensa ossessivamente a quello che avrebbe potuto essere ma non è stato.

Dal punto di vista tecnico è contraddistinto da una mobilità in campo non troppo elevata, difficilmente mette piede dentro l’arco, il pitturato non sa nemmeno cosa sia. Tu puoi sforzarti quanto vuoi a creare azioni spettacolari, ma il suo commento è sempre lo stesso: “Dalla a me, ci penso io.”. Tu non puoi far altro che pensare che è la frase che dici a migliaia di ragazze ogni sabato sera e non ti ascoltano. A te invece tocca ascoltarlo dargli la palla, e stare ad aspettare il verdetto, che nove volte su dieci è sempre lo stesso: ciuff.

Perché è un personaggio odioso? Principalmente per due motivi: visto che la mette sempre tu sei sempre in ombra, la stella quindi è sempre lui, ma soprattutto perché in un modo o nell’altro te lo ritrovi sempre contro, e il possesso finale, dopo 2 ore di partita e sul 131 pari, finisce sempre nelle sue mani. Purtroppo è glaciale, e nei finali alza sempre le percentuali. Di nuovo ciuff, ovviamente, e tutti a casa.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mer Dic 04, 2013 5:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Comunico convocati gara esterna del 05.13.2013 ore 21.30 contro BAREGGIO:

BOMBONATI
CAIMI
BIGNOTTI
GARAV. A
GARAV. M
GASPANI
MARIANI (K)
LISSI
LATTUCA
TEGON

Ritrovo al Palamarcallo ore 20.00 - Bareggio 20.30 -
Si rammenta stesura della lista "R" da parte della persona deputata alla redazione. — in gran forma.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Dic 07, 2013 2:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Limitando gli errori, imponendo il nostro ritmo e cercando di arginare i pericoli portati dagli avversari..abbiamo vinto!!

Giovedì sera a Bareggio si è vista una squadra bella, pimpante, piacevole, fresca come l’aria dei monti; con tutti a mostrare i muscoli e far vedere i denti ,spesso molto stretti..nessun ripiego, ma tanta encomiabile caparbietà nei confronti di un avversario che più volte ha cercato di tornare a galla, trovandoci sempre puntuali a rimandarlo a fondo!!!

Abbiamo conquistato una vittoria importante di gruppo, esecutore intelligente di consigli tecnici e tattici, sapendo rispondere ad un avversario che ha vissuto senza le folate e i lampi dei suoi frombolieri non riuscendo a conquistare lo scalpo marcallese. Grande prova corale sorretta dalle braccia portentose di capitan MARIANI, devastante seppur limitato dai falli, sospinta dalle “piraterie” di TEGON e completata dalla brillantezza degli indispensabili BOMBONATI e BIGNOTTI , a turno, una vittoria che porta anche il nome di LISSI, GARAVAGLIA A., GARAVAGLIA M., M.CAIMI e LATTUCA.

Da subito si segna con il contagocce e la foga difensiva ci fa compiere molti falli entrando volentieri nelle mischie senza quartiere. La partita è maschia e la sfortuna sembra non arriderci, quando GASPANI è costretto a ritornare al box per grave infortunio al ginocchio seguito in un amen da MARIANI che, dopo una tonnara in mezzo all’area, assaggia il tappeto, colpito da una stilettata degli scarni gomiti dell’ infelice di turno, riducendo in malo modo il suo nasino alla “Delon”. Il capitano abbandona a fatica il parquet, lasciando posto a LISSI che non è Delon ma possiede tutta la grinta di Charles Bronson.

Iniziamo il secondo quarto con la stessa partitura del primo, lasciando la difesa dei migliori giocatori ospiti ,all’usato sicuro – GARAVAGLIA A. BIGNOTTI – quest’ultimo chiamato agli straordinari in sala regia.

Ma marce,ne abbiamo da vendere e nonostante ancora gravati di falli non sbandiamo e dalla panchina arrivano ottimi allori con GARAVAGLIA M. e LATTUCA che si tingono d’oro.

Concedendo pochissimo in difesa e andando in attacco con pochi errori si va al riposo con vantaggio… esigue vantaggio… ma vantaggio!!

A gioco fermo si ribadiscono le consegne puntando su tattiche che, professionalmente qui si tacciono… ma niente di illecito solo….ho detto ..qui si tacciono!!!!!

Al rientro sfoderiamo tratti di difesa a zona e pressione a tutto campo trovando chirurgici punti da gestire sapientemente.

I tanto temuti frombolieri avversari intanto continuano ad essere gestite dalle nostre collose attenzioni, iniziano i cambi a tempo e in difesa si richiede l’aiuto di CAIMI; ma il passaggio dalla zona alla uomo non è efficace e il punteggio continua a rimanere fossilizzato sul punto a punto.

Nell’ultimo quarto i locali iniziano il rapporto problematico con l’arbitro che non si fa intimorire e continua a gestire la gara sapientemente. Che la si voglia portare a bagarre? Bah!...intanto vola un tecnico per reiterata protesta su un fallo …..noi ci limitiamo a guardare e ringraziamo per i quattro tiri liberi a disposizione.

Con il trascorrere dei minuti ,l’eco dei lampi si fa piu’ intenso e si prevede aria di pioggia. E’ il momento propizio per cambiare l’inerzia alla gara.. aumentiamo i colpi ed il gap aumenta +4, +6,+8 sembra fatta.. e si intravede il rinomato piccione viaggiatore che trasporta l’apposito referto rosa.

In attacco ci mobilitiamo con “ zingarate” in zona rossa, mentre in difesa reggiamo alla grande.
Sotto lo sguardo impavido del vice presidente MARINONI, riusciamo a strappare golose palle dalla quantità di braccia appese agli "autunnali" arti superiori avversari ..che sembrano avere smarrito la via del canestro.

A pochi giri di lancetta, dalla sirena MARIANI e BOMBONATI riescono a raccogliere dalla spazzatura le ultime arance ancora buone ,mettendole nel cesto. La nostra “gabbia” si chiude e per Bareggio è notte fonda.

A conclusione della serata, i puristi dell’accademia del basket, rimangono per vedere il classico abbraccio tra ex e allenatore ma l’omino che per anni ha indossato la maglia bianco/azzurra preferisce rimanere nella sua sciatta negligenza . “Non è questo lo sport che mi piace, soprattutto non è l’atteggiamento che un atleta da me allenato nel tempo debba assumere” …il “ragazzo” forse attendeva un mio passo avanti…ma è stato lo stesso ad abbandonare il nostro team senza proferire parola ..io sono rimasto in loco!!!....

Nonostante la disapprovazione per lo spiacevole, triste e antipatico comportamento … auguro all’ “amico” comunque futuri successi e sempre buone nuove…poi mi zittisco… perché sicuramente “non capirà” e forse non merita neppure di dover “capire” !!!!!

Ritornando alle nostre cose..prossimo appuntamento in casa con Castano giovedì prossimo..purtroppo ci ritroveremo senza allenamento, dovendo lasciare la palestra ai bambini del minibasket per la festa di Natale…sarà ancora piu’ duro…ma nel duro noi riusciamo a riposare meglio!!!!











_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mer Dic 11, 2013 8:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Nell'ottica della gestione e l'impiego degli elementi della rosa (turnover) , comunico i convocati per la gara interna di giovedì 12.12.2013 contro Castano:
Fernandez
Baraban
Garavaglia alberto
Bombonati
Bignotti
Tegon
Albizzati
Tangorra
Mariani (K)
Paolo Lissi

Ritrovo al palamarcalo ore 20.00 per riunione tecnica.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Gio Dic 12, 2013 5:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Festa di Natale in casa Marcallo Basket Players
..E siamo arrivati a Natale…!!!!Grande entusiasmo e tanto divertimento alla festa di Natale del Minibasket bianco- blu.
Partiti a settembre con l’attività di minibasket, martedì 10 dicembre 2013 al Palamarcallo, abbiamo vissuto tre ore di divertimento, di aggregazione; un momento di incontro per lo scambio di auguri natalizi.
Dopo il saluto del neo presidente Luca ALBIZZATI, che ha ringraziato i bambini e genitori per la partecipazione, illustrando gli obiettivi societari, si è dato sfogo alle ludiche competizioni ,organizzate dall’istruttore minibasket Daniele FOTI chiamato, appositamente per l’occasione, a sostituire la naturale istruttrice Samanta RECALCATI, che colta da improrogabili impegni, non è mancata ai saluti finali.
Naturalmente l’han fatto da padroni i “pulcini” del microbasket che , nonostante la confusione alla quale di certo non sono abituati, supportati dai simpatici atleti della prima squadra, hanno intrecciato giochi di abilità, staffette e gare di tiro sotto gli occhi ed i flash di genitori e nonni presenti in tribuna, sapendosi disimpegnare come giocatori “incalliti”.
Nel mezzo , l’allegra confusione si è decisamente spostata in prossimità della “zona rinfresco” allestita con salatini,,pizze, panettoni e golosi pandoro offerti dallo sponsor e da mamme particolarmente incline al salato.
A cornice della serata, il coinvolgimento di prestanti genitori in “partitelle senza confini” disputate contro il roster composto da FERNANDEZ, BARABAN, BOMBONATI, CAIMI, BIGNOTTI, LISSI, TEGON,
GARAVAGLIA, MARIANI, LATTUCA, TANGORRA, ALBIZZATI messo in campo dall’improvvisato coach Luca GASPANI – indisponibile al gioco giocato, per infortunio al ginocchio -.Simpaticamente arbitrate da Daniele, gli incontri/scontri hanno visto l’invasione del campo da parte di impareggiabili mamme e papà.
Presenti alla festa oltre allo staff dirigenziale composto da Angelo ROSSI, Stefano MARIANI, Alberto GARAVAGLIA – orfani del vicepresidente Francesco MARINONI assente giustificato - ; la signora ALBIZZATI in rappresentanza dell’ormai storico sponsor dei bianco-blu che, in un momento difficile come l’attuale, con il proprio supporto, anche quest’anno, manda avanti una realtà tanto importante per il mondo cestistico marcallese.
Alla fine, ringraziamenti per quanti si sono prodigati nella distribuzione del buffet a partire dall’ ex direttore sportivo Ugo TONELLO e le signore:Tania ed Edvige… riconoscenza anche per la presenza dell’illimitato Martino Cascio – “mister referto” nelle gare interne della prima squadra – che , sfidando raffreddore e nebbia ,non è mancato al frizzante appuntamento.
La serata gioiosa e divertente, dopo la consegna ai piccoli di un piccolo gadget, si è conclusa attorno ad una gigantesca torta, offerta dalla prima squadra, al neo presidente Luca ALBIZZATI che ha raccolto elogi e commenti di approvazione .
In “ sommessa cattedra” il commento finale di coach Pippo :” ..Stasera, per noi ,si è spiccato un piccolo passo …un grande passo per il minibasket marcallese…!!!
( .. la frase ci ha ricordato “qualcuno” e “ qualcosa”… di storico…..!!!!).


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Dic 14, 2013 6:01 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Per il Basket Marcallo Players …una vittoria molto importante!!!!

Partite come quella di giovedì scorso non si raccontano, perché sono da vivere , e chi ha presenziato le gradinate del Palamarcallo, lo ha fatto lasciandosi dietro un retrogusto zuccherino e carezzevole,i
due punti conquistati contro Castano possono rappresentare il segno che la possibilità di marcare a fuoco l’intera stagione è forte ed acuta.
La vittoria casalinga ,getta una buona dose di consapevolezza delle capacità del gruppo bianco blu che ha gestito l’incontro con bravura e capacità, nonostante il piglio caparbio e battagliero degli avversari, mai domi fino alla fine.
Ancora una volta i ragazzi hanno interpretato al meglio la gara e nonostante un secondo quarto da “profondo rosso” si sono rialzati ,come l’araba fenice ,risorgendo dalle proprie ceneri da errori macroscopici.
Certo i due punti non cambiano niente, se non la voglia di ritornare la prossima settimana sul rettangolo di gioco piu’ convinti dei nostri mezzi e consci che non dobbiamo assolutamente accontentarci, altrimenti tutto sarebbe vanificato.
Giovedì prossimo si va a Pregnana,per giocare un impegno importante sotto molti aspetti. Pregnana è una buona squadra in salute, inoltre sarà l’ultima partita prima delle festività natalizie, per di piu’ da disputare senza l’allenamento di martedì, giorno in cui la palestra ci sarà negata per impegni “socio culturali” della scuola.
Tornando al giocato, giovedì entriamo in campo concentrati, raccolti ed uniti, intenti ad attaccare i ferri e difenderli con tenacia ed efficacia. Però, dopo il primo quarto sulla sufficienza, Castano sale di colpo in difesa e trova nella mano calda degli esterni il grimaldello per fare saltare la nostra difesa,puntellata soprattutto da tiri dalla distanza.
Facendo valere il proprio atletismo e la freschezza giovanile, gli avversari ci imbrigliano, guadagnando un piccolo vantaggio. Per noi, nell’arco di tre minuti, solo errori di troppo ed un generale calo di tensione… molto per contrastare lo speranzoso forcing avversario.
Dalla panchina volano: richiami, appelli, ammonimenti… niente ..i cinque in campo sembrano circondati da una atmosfera soporifera, ipnotica, sedativa…in parole povere e pastorali, smettiamo di giocare…...decidendo di partecipare ad una “siesta “ non richiesta!!!!!....
…..Ma l’araba fenicia per risorgere ha bisogno di fuoco, tanto fuoco…. ed allora, per essere tali, dalla panchina parte un segnale incontrovertibile…fuori cinque..dentro altri cinque..un cambio, di memoria a stelle e strisce, destinato a non permette la fuga all’avversario….lo scenario cambia …si colora….e in un socchiudere di ciglia, valichiamo gli ultimi minuti del secondo quarto in modo aperto,quasi sfrontato… seppur andando all’intervallo con un deficit di -6.
Durante la sosta si pensa quale carreggiata dover transitare ..si cercano illuminazioni.. intuizioni…. qualche lampo di genio...
Fortunatamente al demiurgo, arriva la acclamata ispirazione….bisogna ordinare..plasmare…trasformare senza creare….:..incredibilmente, sotto le plance, le presenze aumentano, si stringono le maglie difensive e viene oscurata ogni linea di passaggio… da dieci intercetti arrivano dieci contropiedi che cambiano il volto alla gara….BOMBONATI, in solitaria evasione …punisce !!!!
L’ordine di ricucire lo strappo è perentorio, FERNANDEZ diventa “corsaro”… TEGON “manometro”, GARAVAGLI A. “vigilantes”….MARIANI “faro”…..BIGNOTTI “aguzzino.”
Al resto ci pensano : ALBIZZATI “puledro”…LISSI “leopardo”…BARABAN “alfiere”….
…TANGORRA “certosino.”
Nell’ ultimo quarto il trend è ancora nelle nostre mani e il coach avversario è costretto a chiamare time – aut riparatori, dai quali noi di casa ne usciamo carichi , infilando canestri importanti che ci portano al + 10
In pieno allungo, siamo ad un passo dalla vittoria, mettiamo in campo le ultime energie e grazie ancora alla splendida difesa ,chiudiamo la gara incassando i due meritati punti messi in palio….. Sugli “scudi” ancora il gruppo,che con tanta maturità riesce a “duellare” ad armi pari fino alla fine.
In campo l’aria è frizzante ….si intrecciano sorrisi ed abbracci….mentre un tifoso da lontano grida: ….” The show must go on…!!!!”…Io non capisco….!!!!.....ma dai suoi incitamenti presumo che non sia una esclamazione…di....”turpiloquio”.



_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mar Dic 17, 2013 7:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Comunico le convocazioni per la gara esterna a Pregnana di giovedì 19 dicembre 2013 ore 21.15:

BARABAN
BOMBONATI
CAIMI
LISSI
GARAV. A
GARAV. M
MARIANI
LATTUCA
TANGORRA
TEGON

Ritrovo in Palamarcallo ore 20.00.

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Sab Dic 21, 2013 1:53 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ed è poker!!!!

Ennesima vittoria… nonostante la lista degli infortunati inchiostrata dai nomi di BIGNOTTI e GASPANI - quest’ultimo fermo per un infortunio al ginocchio – ai quali si è aggiunto all’ultimo momento GARAVAGLIA Matteo.
Con questi chiari di luna, giovedì inizia la nostra “performance” a Pregnana, agli ordini del signor ABATE direttore di gara a dir poco perfetto, puntuale, preciso. Il mosaico iniziale è composto da BARABAN, TEGON, BOMBONATI, GARAVAGLIA A., MARIANI.
Prime scaramucce e gli avversari mettono il naso avanti, grazie alla nostra difesa flaccida, parente lontana di quella vista nelle ultime uscite, schierata in atteggiamento da dopolavoro ferroviario; non di meno proponiamo un attacco isterilito, infecondo ed infruttifero. Insomma si vedono in campo 5 cadaveri, cinque contenitori senza contenuto. Nessuna gita in lunetta, ritmi a 75 giri ed energia sotto la gomma delle scarpe.
Con tanto nervosismo nelle spire della carne ed il cervello vuoto, la sirena del primo quarto, chiude la contesa con un parziale tennistico di 8 a 4.
Naturalmente Pregnana ci crede ,sappiamo che è una buona squadra ma non dobbiamo devotamente genufletterci!!!.
Dalla panchina si cerca il solito cilindro per raccogliere qualche magia, ma non è serata e dopo il primo stop, rientriamo storditi, alle corde, sicchè anche il secondo quarto vive sulla falsa riga del preceduto.
Nel giovedì piovoso non è facile trovare Santi in paradiso ,anche perché sembra che tutti siano impegnati nei preparativi per le festività natalizie….!!!!
Le direttive sono quelle di ritornare alla ragione,ma più si batte questo tasto e più i ragazzi in campo si sciolgono come neve al sole e senza bussola perdono la via maestra….dalla postazione di comando, il timone è saldo ,ma in campo si vedono solo teste basse, facce allungate e la pancia sembra essere troppo piena per fare incetta di risultato…
Nel nostro non gioco LISSI rimane inutilizzato dopo l’infortunio alla caviglia e da 9 ci assottigliamo a 8 rimanendo ben presto in 7 dal momento che il nostro unico play BARABAN è preda di una serata incolore e da dimenticare…
Come una manna arriva l’intervallo..negli spogliatoi pochi commenti tutti indirizzati al “provarci” nonostante siamo gravati di falli , ma dobbiamo stringere i tempi e arrivare punto a punto …puo’ essere pericoloso ,ma vista la serata, meglio correre il rischio.
La sigaretta prima del rientro la si condivide con MARINONI, il vicepresidente è molto perplesso e fa volare qualcosa di illecito dalla sua bocca, poi con il suo consueto aplomb passa ad altro e si ricompone nel ricordo di quella vigilia di Natale allorquando da Milano in 7 portammo a casa una insperata vittoria contro i primi della classe.
In attesa della “bonaccia” che non è la “bona di turno”, ma quella pacatezza che di solito interviene nei momenti di difficoltà, il terzo quarto scivola con qualche segno di vigore ,ma la febbre rimane sempre alta ed il “medico” sta quasi per confermare la diagnosi…nessuna buona nuova se non MARIANI con 4 falli.
I padroni di casa si sfogano e rimangono in vantaggio… per noi, invece, le nubi non si diradano, anzi alcune palle perse ci fanno sparire nella steppa della difesa avversaria ….e quando raggiungiamo il passivo a doppia cifra la gara sembra definitivamente segnata.
L’ultimo quarto sembra la falsa riga dei precedenti ,con molto nervosismo e palle perse, le rotazioni si fanno con una certa continuità perché si spera ancora..qualcuno è richiamato a rifiatare, qualcun altro è “invitato” a vincere la stanchezza…tutti sono abili ed arruolati ad eccezione dell'esule BIGNOTTI che dalla tribuna è in piena agonia ...ben presto si gioca ad attimi, a momenti, i minuti scorrono e non c’è piu’ tempo per pensare, si deve solo ragionare. Pregnana pecca un tantino di presunzione con qualche palla persa e qualche tiro affrettato…in questo clima, il cervello ha una infiammazione e dalla panchina parte una tattica di altri tempi, una strategia “bulgara” ma quanto mai efficace….
Però dal suo box , l’ "illuminato" non riesce a farsi interamente capire così su fallo non richiesto di CAIMI, che scombussola i piani, chiama il quintetto a raccolta per illustrare l’improvvisata mossa…
Attorno al “vegliardo” si stringono le maglie…adesso tutti hanno capito la tattica….bene….!!!!
Si deve dare l’ultimo colpo di coda.
Con un gioco da tre punti e due contropiedi torniamo a galla …….le distanze si avvicinano…tacciono le voci del pubblico casalingo, mentre aumentano gli incitamenti del pubblico amico..in campo si vede il solito Marcallo pimpante e reattivo..la panchina ospite si innervosisce ed inizia a perdere pazienza e bussola tanto che su una disapprovazione del coach casalingo per un fallo a suo modo dubbio l’arbitro non puo’ che decretargli un tecnico.. l’addebito ha il suo peso specifico, non tanto per i punti prodotti dai tiri liberi ,che noi regolarmente sbagliamo e il possesso successivo di palla , quanto per il nostro atteggiamento che cambia in modo repentino…
Ripreso il gioco giocato, togliamo l’inerzia nella mani dei padroni di casa….ci portiamo a più 3, ma non basta, i minuti sono ancora tanti…..esattamente 17….quando la palla è nelle mani di LATTUCA che con esperienza subisce l’ennesimo fallo di frustrazione…2 tiri liberi…
Il punto esclamativo alla gara, è chiamato a metterlo proprio lui, Alberto LATTUCA che sbaglia il primo, ma mette il secondo dei “fratelli” ..è fatta!!! Il canestro della staffa è segnato adesso i punti di vantaggio sono 4 ….Alberto si gira col pugno alzato verso la panchina ed il pubblico disegnando l’icone emblematica della nostra vittoria..il punto esclamativo è messo!!!!!
Alla fine vince chi ha piu’ voglia di volercela fare…sulla gara vinta la firma è di tutti ….si vince mettendo un bel mattoncino sul muro chiamato “salvezza”.....poi tutto tace e nel silenzio… si sentono rimbombare le note de ” Il piu’ grande spettacolo dopo il Big Bang”…….
……..MA NON SIAMO NOI!!!!

_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mar Dic 24, 2013 4:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Difficile non subire il fascino del Natale…, quando si è bambini è la festa più dolce e ricca di poesia che si possa immaginare, quando si cresce e si diventa adulti resta un momento in cui è impossibile restare indifferenti di fronte all’atmosfera natalizia…..
Nella memoria di ciascuno rimangono Natali di un tempo, che scandiscono il lento ma inesorabile scorrere degli anni. Purtroppo ci sono – oggi come ieri - Natali di guerra, Natali di miseria, Natali di povertà…. e c’è sempre un Erode di turno che insidia la venuta di un bambino che nasce. inoltre, va considerato che viviamo in un contesto dove il senso pagano del Natale rischia di travolgere il valore più vero e più autentico del Natale cristiano….
Memore di tutto ciò, il mio augurio è che in ognuno possa splendere la luce del Vero Natale… che l’amore possa ardere come guida nelle nostre attività e come fiamma viva nei nostri cuori…e che il 2014 sia per, tutto il team Marcallo Basket Players foriero di felicità, prosperità, pace, armonia e serenità.


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pippo

Top forum






Registrato: 08/11/07 16:22
Messaggi: 509
pippo is offline 


Interessi: MUSICA, BASKET,INTRATTENIMENTI



MessaggioInviato: Mer Gen 15, 2014 8:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Atteso le indicazioni della gara amichevole e la tenuta della nostra infermeria..comunico i convocati per la gara di mercoledì 16 gennaio 2014 ore 21.00 contro Legnano

FERNANDEZ
BOMBONATI
CAIMI
BIGNOTTI
LISSI
GARAV. A
MARIANI
TANGORRA
TEGON
VENUTO

Ritrovo Palamarcallo ore 20.00


_________________
"Perdere è un modo di apprendere. E vincere, un modo di dimenticare quel che si è appreso....In gara è necessario rilassare i muscoli quando si può...perchè rilassare il cervello puo' diventare fatale"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Basket Players Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





BASKET PLAYERS MARCALLO topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008